16 Ottobre 2023

Brevetto Villabalzana: timbri, salite e tanto gravel

Grazie a Cycling 3e60, le salite dei colli Euganei e Berici diventano una stimolante sfida per gli amanti della gravel.

Girare in sella permette di prendersi un momento per staccare, incontrare nuove persone e conoscere luoghi unici nel loro genere. Ciascun percorso ha qualcosa di particolare e inconfondibile che lo rende unico e distinguibile dagli altri. Alle volte, però, come sanno gli appassionati, percorrere dei semplici tragitti può essere meno stimolante rispetto alla partecipazione a gare. Quanto sarebbe bello avere la libertà di scegliere quando percorrere un tracciato senza privarsi della giusta componente di sfida? Fortunatamente, c’è già una soluzione: il brevetto Villabalzana. Promosso dal gruppo ciclistico amatoriale vicentino 3e60, dà la possibilità agli amanti della gravel di sfrecciare tra i colli Berici e quelli Euganei sfidando se stessi immersi in paesaggi unici.

Il brevetto di Cycling 3e60

I brevetti sono una formula già sperimentata nel mondo del ciclismo e, da non molto, conosciuta anche nella disciplina della gravel. Si tratta di attestati che vengono consegnati a seguito del completamento di alcuni percorsi o del raggiungimento di diverse tappe entro un limite di tempo.
Molte di queste dinamiche si presentano, nel corso dell’anno, sotto forma di eventi, ovvero ogni brevetto si può ottenere esclusivamente in una certa data e in un luogo specifico di partenza e arrivo seguendo il regolamento dell’organizzazione. Il brevetto di Villabalzana ha la particolarità di poter essere svolto in completa autonomia, slegato da un contesto di manifestazione o gara e autogestito dai ciclisti. La formula di Villabalzana si distingue, inoltre, dagli altri brevetti in quanto non c’è un ordine prestabilito delle tappe da raggiungere e non è nemmeno obbligatorio seguire un tracciato unico.

Le due proposte

I brevetti di Villabalzana sono di due tipologie: su asfalto e off-road. Per ottenere il primo devono essere superate 5 salite, in ordine di difficoltà:

  •       1° Il Castellaro: inizio salita in località Castegnero;
  •       2° Strada degli Ulivi: inizio salita in località Nanto;
  •       3° Pianezze: inizio salita in località Torri di Arcugnano;
  •       4° Lapio: inizio salita da Torri di Arcugnano (in direzione lago di Fimon);
  •       5° San Rocco “la classica”: inizio salita dalla chiesa di Longara.

Per gli amanti degli sterrati o dei terreni misti, invece, le salite da percorrere sono due:

  •       1° La santa Tecla: inizio salita da Longare;
  •       2° Salita degli Alpini (Lago di Fimon, Pianezze e Villabalzana).

Come ottenere il brevetto

Il brevetto di Villabalzana è una collezione di diversi timbri che si ottengono dopo aver affrontato le prescelte salite dei colli Euganei e Berici. Essendo, quella che porta al brevetto, un’esperienza autogestita potrebbe sorgere il dubbio su come si ottengano la tessera e i sigilli. Sul sito di Cycling3e60 si può facilmente scaricare la carta dove apporre i timbri e anche relative informazioni tecniche sulle salite. Inoltre, sempre nel sito di Cycling 3e60, si possono comodamente trovare, la traccia gpx, un breve video delle singole salite, una foto e le coordinate dove trovare i timbri da utilizzare per convalidare ogni salita. Tutto è in piena autonomia, l’unica regola per ottenere il brevetto è completare la carta di viaggio entro l’anno solare. E per coloro che vogliono pedalare senza privarsi della festa, ogni anno l’associazione vicentina organizza nell’ultima domenica di settembre il Villabalzana day, un appuntamento condiviso per ottenere in compagnia il brevetto. 

Sofia Ballico

Collabora con noi

Se sei appassionato di Gravel, non perderti l’occasione di condividere con noi le tue esperienze e i tuoi consigli. Inizia a scrivere per Gravel Magazine, compila il modulo qui a fianco per maggiori informazioni.