23 Giugno 2023

Quando il gioco si fa Grinduro…

L’evento americano che unisce la Gravel all’enduro è pronto a sbarcare in Italia: appuntamento a settembre Punta Ala, in Toscana, con un itinerario ad anello di circa 100 km che si sviluppa lungo la Maremma Toscana

Gli esami di maturità sono appena iniziati e, quindi, non c’è momento migliore per fare un bel ripasso di formule matematiche. Ricordate a² + b² = c²? Esatto è il Teorema di Pitagora. E = mc²? Ottimo, l’equazione di Einstein. E se, invece, vi chiedissimo qual è il risultato della somma Gravel + Enduro? Questa è l’unica formula che per settembre dovrete sapere a memoria. Il risultato è Grinduro è un evento gravel nato nel 2015 a Quincy, in California e prossimo allo sbarco in Italia.  Partenza in stile granfondo ma con quattro prove speciali cronometrate in stile enduro, tutte diverse che creano un mix perfetto di salite e discese, in cui il tempo di percorrenza totale non conta ai fini della classifica. Dopo diverse tappe in mezzo al mondo, dalla Scozia al Canada, dal Giappone al Galles, l’evento arriva nel nostro Paese: appuntamento dall’8 al 10 settembre a Punta Ala, in Toscana. 

sarà protagonista per la prima volta in assoluto di una tappa Grinduro, dall’8 al 10 settembre a Punta Ala, in Toscana.

Condi-visione alla base del percorso di Punta Ala

Grinduro è una vera e propria celebrazione del ciclismo dove il divertimento crea un connubio perfetto con la fatica. Il cuore pulsante della tappa italiana sarà il PuntAla Camp and Resort di Thomas Daddi. Proprio qui si svilupperà il perfetto tra race e party. Infatti, tutti i partecipanti e i loro accompagnatori potranno usufruire dei servizi del camping e partecipare alla festa di Grinduro che andrà avanti fino a tarda sera con degustazioni di vino, concerti e falò. “L’idea del percorso non nasce solo dalla mia visione ma da una serie di scambi di opinioni con le persone del luogo che conoscono bene la fisionomia del territorio” spiega Luca Bortolotti, ideatore del percorso e direttore di corsa Grinduro Italy. La condivisione e il dialogo di Luca con gli abitanti del posto e il proprietario del camping PuntAla Thomas Daddi, hanno dato vita a un itinerario ad anello lungo circa 100 km che si svilupperà lungo la Maremma Toscana e darà la possibilità ai partecipanti di attraversare paesaggi mozzafiato. Preparatevi a passare per uliveti, vigneti, miniere abbandonate, sabbia e mare. Uno dei fiori all’occhiello del percorso è rappresentato da Massa Marittima, a metà dell’itinerario, che è stato un importante centro minerario noto per l’estrazione di argento.
“Eventi come Grinduro o la manifestazione non competitiva Unpaved Roads, si riescono a collegare diverse località. Si parte dalla zona costiera molto scenografica, ma si riesce ad arrivare nell’entroterra dove sono presenti paesini medioevali e punti d’interesse che non sarebbero facili da raggiungere con altre tipologie di bicicletta – spiega Thomas –. Poi, sicuramente, la cosa più bella è l’andare in gruppo: si riescono a mettere insieme diverse tipologie di atleti dai più esperti e a chi invece utilizza la gravel per le prime volte”.

Grinduro prende un pò della scena dell’enduro mountain bike, un pò dai percorsi gravel e un pò dalle granfondo per unire il tutto in un nuovo format di gara ciclistica. Cerca di creare un ambiente più amichevole, all-inclusive ed emozionante per qualsiasi tipo di ciclista. Un evento non competitivo che riesce a farvi stare sul sellino della vostra bicicletta per tutto il giorno, facendovi faticare solo per un breve periodo di tempo e lasciandovi trasportare dalle emozioni e dalla libertà che sulla vostra gravel potete provare. Ciclisti di strada, di mountain bike e urbani, si uniscono al grido di battaglia “Grinduro!”, perché è diventato più di una semplice manifestazione, ma un vero e proprio movimento capace di coinvolgere tutti fin dalla sua nascita. 

Riccardo Magagna

Collabora con noi

Se sei appassionato di Gravel, non perderti l’occasione di condividere con noi le tue esperienze e i tuoi consigli. Inizia a scrivere per Gravel Magazine, compila il modulo qui a fianco per maggiori informazioni.